Trading online: Come evitare le truffe

Spread the love

Se avete capito come guadagnare con il trading online, adesso è tempo di imparare come difendervi dalle truffe nel trading online. Il primo passo da compiere riguarda la verifica della presenza di una specifica autorizzazione rilasciata al broker per operare. Non è assolutamente necessario che il broker sia un autorizzato Consob (Commissione nazionale per le società e la borsa) visto che, per ovvi motivi fiscali, molti broker che propongono piattaforme di trading, normalmente hanno sede a Cipro (dove sono regolamentati dalla CySEC, l’autorità cipriota) o nel Regno Unito (dove l’organo di regolamentazione è la FCA). Per verificare se la piattaforma è autorizzata o meno, la strada più semplice è quella di andare a controllare sulla pagina “chi siamo” regolamentazioni o autorizzazioni del broker oppure è sufficiente andare a scovare la stringa contenente il nome dell’autorità che ha rilasciato il diritto di operare e il numero di autorizzazione (normalmente la dicitura è riportata in fondo alla home page).

Nel caso in cui al posto di una stringa contenente il numero di autorizzazione compaia una frase sul modello “piattaforma in attesa di autorizzazione” allora è sempre meglio puntare su un altro broker. La presenza dell’esplicita autorizzazione è la garanzia di massima legalità della piattaforma trading. Infatti, a massima garanzia di sicurezza, i conti attivati sulla piattaforma per fare trading online possono essere svuotati in ogni istante dal trader (che è il proprietario) e, quindi, i profitti ottenuti facendo trading, possono essere sempre essere trasformati in denaro contante in qualsiasi momento. Un’ulteriore elemento da considerare sono i canali messi a disposizione dell’utente per contattare gli operatori ed il centro assistenza. Se un sito non dispone di queste informazioni, il sospetto è che la società sia fasulla o che non disponga di capitali sufficienti per gestire un ufficio reale con assistenti che possano curare il rapporto con la clientela.

Quindi, per evitare truffe nel trading online, seguite questi accorgimenti:

La reputazione
Cercate informazioni su Google, nei forum dedicati al mondo del trading online o nei propri socials è essenziale per capire se la piattaforma è a rischio truffa. Verificate se la piattaforma di trading abbia un profilo Facebook o Twitter, se ha molte interazioni, date un’occhiata a cosa dicono le recensioni lasciate da altri utenti. Se poi trovate la piattaforma o il servizio menzionato in un noto mezzo di comunicazione, questo, in linea di massima, contribuisce alla sua legittimità. Il passo successivo è la verifica dell’infrastruttura. Date un’occhiata al sito web in questione. Le piattaforme di trading serie e legali di solito impiegano molte risorse nella tecnologia e nella progettazione del sito web. I truffatori che cercano un modo rapido di truffare i risparmi delle persone non investirebbero denaro e tecnologia nella loro piattaforma.



Il broker è certificato?
Secondo la normativa europea MiFID (Markets in Financial Instruments Directive), un broker regolamentato può avere accesso a tutti i mercati europei. È tuttavia consigliabile scegliere un broker regolamentato dalla CONSOB (l’ente di regolamentazione italiana) che oltre a fornire la licenza di intermediario finanziario, controlla anche l’operato del broker, fornendo una valida protezione per l’utente (trader). Un broker regolamentato è una garanzia aggiuntiva, in quanto secondo la normativa MiFID, il broker non può utilizzare i soldi depositati dal trader. Infatti, quando viene effettuato il versamento, i soldi vengono direttamente versati su conti segregati e separati da quello del broker. Una grande tutela, quindi, in caso di possibile bancarotta della società, perché i soldi del trader saranno sempre al sicuro in qualsiasi condizione. I broker regolamentati sono aziende serie, che proteggono gli investitori dai rischi comportati dal trading con broker privi di licenza. Investire con una società regolamentata significa farlo in condizioni di piena sicurezza fin dal principio.

Evitate certi bonus di benvenuto offerti dai broker
Vi sono differenti tipi di bonus che variano a seconda dal broker che li offre. Infatti ogni broker ha una propria strategia di marketing, per cui è molto probabile che un broker abbia una propria offerta differente dall’offerta di un altro broker. Ma cos’è il bonus? Si tratta di una somma di denaro “offerta” dal broker dopo che avrete aperto un account di trading con loro. Solitamente, tale somma varia a seconda di quanto deposite nel vostro account. Di norma si va da un minimo del 30% ad un massimo del 100%.Non dimenticate che una volta accettato il bonus, non sarà più possibile ritirare nè il bonus nè i soldi presenti sul vostro account finché non verranno raggiunte certe condizioni per sbloccarlo. Per sbloccare tale bonus e renderlo prelevabile (così come tutti i guadagni effettuati con esso) dovrete investire per raggiungere un volume di 10, 20 o 30 volte tale cifra.Se ad esempio avete effettuato un primo deposito di € 100 e avete aderito alla promozione che vi offre un bonus del 100%, in questo caso avrete subito a disposizione un importo di € 400. Così, se il volume di trading per sbloccare il bonus deve essere pari a 20 volte, ciò significa che per poter prelevare la somma relativa al bonus, dovrete fare un volume di trading pari a € 2000. Per alcuni la cifra potrebbe sembrare molto elevata, ma se considerate che i guadagni su una piattaforma di trading online vanno dal 70 all’85% per ogni operazione, questo volume effettivamente è facilmente raggiungibile in poco tempo. Infine, fate attenzione ai broker (poco onesti) che “sommano” il bonus di benvenuto al denaro che avete depositato nell’account. Ciò significa che non potrete nemmeno ritirare la cifra da voi depositata normalmente, perché ora che è “mischiata” con il bonus di benvenuto, dovrete raggiungere il volume di trading prefissato per poter sbloccare il tutto.

Le procedure di prelievo e versamento sono chiare?
Un broker funziona come una sorta di banca online, in quanto gli utenti vi dovranno versare e prelevare delle somme di denaro. Da questo punto di vista, il trading online è una vera e propria attività di investimento, e come tale va interpretata. Nel sito del broker dovranno essere chiaramente illustrate le modalità di versamento, di prelievo delle somme di denaro e dei tempi necessari per l’accredito, senza che queste operazioni vengano tassate con costi di commissione elevati. Inoltre, un buon broker si distingue anche per le svariate possibilità di versamento offerte: con Carte di credito, Bonifici, PayPal, Pagamento elettronico.

State alla larga da sistemi “sempre vincenti”
Nel trading online esistono i cosiddetti “Expert Advisor”, ovvero dei software progettati con una strategia di trading. Questi software (in genere robot forex), si occupano di fare trading automatico (ovvero al posto vostro). Basta infatti installare un Expert Advisor su una piattaforma di trading, e tale software si occuperà di analizzare i grafici, segnalare i momenti di entrata per investire, e addirittura investire al posto nostro. Sappiate che non esiste un Expert Advisor infallibile, ovvero che vi permetta di guadagnare sempre e comunque. Così come non esiste un Expert Advisor che vi permette di guadagnare sull’80-90% delle operazioni. Il nostro consiglio? Non comprate nessun Expert Advisor che vi promette guadagni sicuri e da capogiro, perché nel 100% dei casi, stanno tentando di truffarvi.

Non permettete a nessuno di entrare nel vostro account di trading
Chiunque di noi conosce l’importanza di tenere al sicuro le nostre password oppure i pin delle carte di credito o dei bancomat. La stessa cosa va applicata al trading online, ma con una netta differenza. Ogni broker ha svariati account manager, che altri non sono che analisti ed esperti di finanza che si occupano di analizzare le performance degli account dei clienti e fornire utili informazioni.Possiamo quindi definire un account manager “un aiuto” offerto dal broker al trader. Ovviamente nel caso di un account manager ed un broker onesti. Altrimenti, la situazione rischia di diventare una truffa. ATTENZIONE: Se il vostro account manager vi contatta, dicendovi di “avere un’interessante opportunità sicura di investimento” e vuole accedere al vostro account di trading per metterla in pratica, rifiutate. Alcuni account manager entrano negli account dei clienti al solo scopo di fare operazioni sbagliate, facendo quindi perdere denaro al cliente (ma facendolo guadagnare al broker disonesto per cui lavorano). Oppure, vi sono account manager che invogliano i clienti a depositare sempre più denaro, con “promesse” di potenziali guadagni. In casi del genere, è bene cambiare broker al più presto!

Avere la giusta mentalità
Per evitare la stragrande maggioranza delle truffe, dovete avere la giusta mentalità. Nel trading online è impossibile guadagnare sempre e in poco tempo. Non esiste nessun sistema di trading o strategia “semplice” da applicare ed in grado di farvi arricchire rapidamente. Nel trading online si guadagna solo nel lungo termine, perciò strategie e piani di gestione del capitale devono essere impostati solo a lungo termine. Dovete dedicare ore al trading online, non bastano solo 30 minuti davanti ad un computer. Non fidatevi mai di qualcuno che vi chiama al telefono per invogliarvi a farvi aprire un account di trading. Già, ultimamente anche i broker stanno mettendo in pratica le stesse strategie dei call center. Quindi, per evitare di cadere in queste truffe, il nostro consiglio è quello di chiudere subito la chiamata. Nessun broker con regolare licenza ed una reputazione affidabile si permetterebbe mai di affidarsi a dei call center o di chiamare direttamente potenziali clienti e provarli a convincere via telefono, utilizzando metodi al limite dell’illegalità. 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *